Se avete da poco acquistato il primo apparecchio acustico della vostra vita vi saranno utili alcuni consigli per familiarizzare col nuovo dispositivo e per abituarvi a farne un uso consapevole.

    • Innanzitutto, cosa non sempre scontata, l’apparecchio acustico è uno strumento strettamente personale e, come tale, va utilizzato soltanto dal suo proprietario. Ciò non solo per ovvie ragioni di igiene, ma anche e soprattutto perché questi dispositivi sono programmati e modulati in modo specifico in base all’ipoacusia del loro portatore. Pertanto, se utilizzati da altri, potrebbero esseri manomessi o, peggio, causare a quest’ultimo problemi di udito.
    • Molto spesso accade che, dopo l’acquisto di un apparecchio, alla prima applicazione il paziente riscontri problemi ad abituarsi al nuovo strumento: potrebbero manifestarsi dolore, irritazione, aumento di cerume o fastidi legati alla percezione di rumori e suoni differenti da quelli a cui si era abituati. Ma occorre restare calmi e sapere che si tratta di ordinarie e fisiologiche reazioni del nostro orecchio al nuovo corpo estraneo al quale non è abituato. Parlandone con l’audioprotesista sarete tranquillizzati e vi verrà consigliata la soluzione più adatta alle vostre esigenze.
    • Un’altra cosa che è bene ricordare è di tenere il più possibile l’apparecchio acustico lontano da fonti di calore e umidità. Non fare il bagno o la doccia indossandolo, ad esempio, e qualora dovesse bagnarsi troppo, evitare di asciugarlo avvicinandolo a fonti di calore eccessivo come il phon o una stufa. Basterà lasciare aperto il vano batteria e il dispositivo sarà nuovamente pronto all’uso dopo 24 ore.
    • Ben presto vi accorgerete che in alcuni ambienti eccessivamente rumorosi diventa difficile trarre beneficio per l’udito sebbene si indossi un apparecchio. Per migliorare l’esperienza di ascolto, quando la situazione intorno diventa insostenibile, una soluzione potrebbe essere spegnere l’apparecchio e comunicare alle altre persone presenti che si è ipoacusici e momentaneamente sprovvisti del proprio dispositivo. Se invece le condizioni non sono così avverse da ricorrere al rimedio estremo di spegnere l’apparecchio, è consigliabile posizionarsi in un posto abbastanza lontano dalle fonti di rumore.

Infine, una buona manutenzione dell’apparecchio non può prescindere da due regole essenziali: per prima cosa utilizzare sempre batterie nuove per l’apparecchio, restituendo le vecchie all’audioprotesista (se si prevede di non utilizzare l’apparecchio per un tempo prolungato è preferibile rimuovere le batterie); in secondo luogo, pulire l’apparecchio acustico ogni mattina seguendo dettagliatamente le indicazioni del proprio audioprotesista di fiducia.