Alimentazione e acufene: uno studio

L’acufene, un disturbo uditivo caratterizzato dalla percezione di un fischio o di un ronzio nelle orecchie in assenza di stimoli esterni. Sebbene non esista una cura definitiva, secondo uno studio recente pubblicato su Ear and Hearing, alcune pratiche alimentari potrebbero contribuire a ridurne gli impatti.

Lo studio

Gli autori, infatti, hanno esaminato il legame tra alimentazione e acufene. I ricercatori provenienti da Regno Unito e Stati Uniti hanno analizzato i dati di circa 35.000 partecipanti, tutti compresi nella fascia di età tra i 40 e i 69 anni. I partecipanti hanno fornito informazioni sulla loro alimentazione e sulla presenza di acufene.

I risultati dello studio suggeriscono che una dieta ricca di alimenti contenenti vitamina B12 può essere associata a una minore possibilità di sviluppare acufeni. Alimenti come pesce (sardine, tonno, salmone, sgombro, trota), latticini (latte, formaggio stagionato, yogurt), uova, carne bovina e maiale sono ricchi di vitamina B12. 

Al contrario, un’elevata assunzione di grassi, ferro e calcio sembra essere correlata a una maggiore vulnerabilità ai problemi uditivi.

Inoltre, gli alimenti ricchi di vitamina D sono emersi come alleati del benessere uditivo. Tuttavia, è importante sottolineare che questi risultati derivano da uno studio osservazionale, e ulteriori ricerche sono necessarie per comprendere meglio la relazione di causa-effetto tra alimentazione e acufene.

In generale, includere nella propria dieta alimenti come pesce, latticini, uova e carni magre può contribuire a garantire un adeguato apporto di vitamine benefiche per l’udito. 

Ecco perché fegato e frattaglie, oltre a essere ottime fonti di vitamina B12, possono essere considerati preziosi elementi per preservare il benessere uditivo.

In conclusione, una corretta alimentazione potrebbe svolgere un ruolo significativo nel mitigare il fastidioso fischio associato all’acufene. Continueremo a seguire la ricerca in questo campo per approfondire la comprensione di tali correlazioni.

Contatti
Privacy Policy | Cookie Policy